Faredelbene.net



alimentazione e benessere -> Occhi aperti sull'olio di Palma


Occhi aperti sull'olio di Palma




Entra  in vigore dal 14 Dicembre di quest'anno la normativa europea secondo la quale le aziende non potranno più scrivere sulle etichette dei prodotti alimentari la dicitura “oli vegetali”, ma dovranno indicare di che tipo di olio si tratta: alcune si sono già adeguate ma altre no. Il contenuto in olio di palma, negli ultimi anni oggetto di studio e discussione relativamente alla salute e all’impatto ambientale, dovrà essere specificato e quantificato: purtroppo però, non ne conosceremo il tipo utilizzato, il grado e il metodo di raffinazione e quindi i possibili effetti sulla salute…

«Non credo certo che l’olio di palma sia responsabile di tutti i mali del mondo, ma non posso chiudere gli occhi davanti al fatto che il modo in cui oggi è prodotto, almeno nella maggior parte dei casi, ha conseguenze negative che sono reali e decisamente non trascurabili. Non intendo diventare ossessivo, né proporre lotte o boicottaggi, ma solo sforzarmi di pensare ai miei consumi, in modo che possano avere un impatto il più positivo possibile»: questo è quello che scrive Adrien Gontier, studente di geochimica all’Università di Strasburgo e appassionato di questioni ambientali che nel luglio del 2011 aveva deciso di vivere per un anno senza olio di palma. La sua esperienza è documentata in un blog (“Vivre sans huile de palme”) che è diventato una sorta di vademecum sull’olio di palma: si trovano notizie sull’impatto ambientale , approfondimenti sugli effetti per la salute, novità in ambito legislativo e descrizioni tecniche sul ruolo di questi grasso nell’industria alimentare o cosmetica. Ci sono inoltre ricette di cucina e consigli pratici su come  preparare il sapone o prodotti di pulizia per la casa.
L’olio di palma si ottiene dalla spremitura dei frutti della palma Elaeis guineensis. Si tratta di un olio di colore rosso acceso per l’elevato contenuto di carotenoidi, ampiamente utilizzato nei paesi in cui la palma viene coltivata (Africa, Asia e America centro-meridionale). Non si utilizza tal quale nei paesi occidentali, poiché pur essendo liquido come l’olio di oliva è meno stabile, tende a irrancidire facilmente ed è quindi meno commerciabile, inoltre rende rosse le pietanze in cui viene utilizzato, cosa non gradita ai consumatori occidentali. Per questi motivi l’olio di palma impiegato dall’industria alimentare è sempre raffinato e si presenta incolore, inodore e insapore. Il processo di raffinazione separa l’olio in due frazioni, una solida dall’aspetto “burroso” ricca di acido palmitico, e una liquida, ricca di acido oleico. La presenza delle due frazioni (solida e liquida) e il basso prezzo sono i motivi del suo successo nell’industria alimentare: la frazione liquida è molto resistente all’ossidazione e quindi sopporta bene le temperature elevate senza degradarsi: è utilizzata per la frittura delle patatine e dei dolci. Anche molte miscele di olio per friggere in vendita sugli scaffali dei supermercati contengono olio di palma, da solo o in combinazione con altri oli vegetali. La frazione solida è a tutti gli effetti un grasso più o meno “morbido” e dunque più o meno cremoso, a seconda del numero di cicli di frazionamento e di altre trasformazioni a cui è stata sottoposta e viene utilizzata come surrogato del burro di cacao e nelle creme spalmabili; la Nutella è da sempre preparata con grasso di palma e la stragrande maggioranza di biscotti , merendine e prodotti da forno contengono come materia grassa principale il grasso di palma (anche quelli biologici). Grazie a queste caratteristiche, l’olio di palma ha conquistato nell’industria alimentare ( e anche in quella dei detergenti e dei cosmetici) un ruolo di protagonista assoluto togliendo spazio ai grassi di origine animale, come burro e strutto, al burro di cacao e alle margarine: il problema principale delle margarine costituite da olio di mais, girasole, soia colza ecc. è legato al processo di idrogenazione che permette di solidificare l’olio ma causa la produzione dei cosiddetti acidi grassi trans, ritenuti tra i maggiori responsabili di un aumento del rischio cardiovascolare.
Da un punto di vista ambientale, uno studio pubblicato sul Journal of Geophysical Research: Biogeosciences, da Lisa Curran e altri colleghi che hanno analizzato i corsi d’acqua vicini alle piantagioni di palme da olio, nei pressi dei confini del parco nazionale Gunung Palung nel Borneo indonesiano, tra il 2009 e il 2012, ha dimostrato che l’acqua era in media più calda di 4 gradi centigradi rispetto a quelle delle zone non confinanti con le palme, conteneva una quantità di sedimenti fino a 550 volte quella normale e – dato giudicato molto allarmante – presentava variazioni molto brusche del suo consumo di ossigeno – soprattutto durante la stagione secca.
Secondo i ricercatori californiani, i danni all’ecosistema si estendono potenzialmente a molti chilometri dalle aree coltivate, proprio perché interessano l’acqua, e rischiano di causare gravissimi problemi di approvvigionamento alle popolazioni locali e, su scala più ampia, di aggravare il problema della scarsità di acqua potabile. Non solo: uno scadimento della qualità delle acque avrebbe effetti anche sulle barriere coralline alle foci dei fiumi, sulle popolazioni ittiche e in generale su tutto l’ecosistema e le economie locali.
Circa 25 pesticidi differenti vengono usati nelle piantagioni, ma il loro utilizzo non è monitorato e
il rischio di contaminazione per terreni e acque è molto elevato. Nel Sud Est Asiatico è molto usato il Paraquat, un erbicida tossico illegale in 36 paesi, che se inalato o assorbito dalla pelle può essere letale ; spesso gli operai vengono pagati meno del salario minimo, per un lavoro piuttosto duro (i grappoli di frutti pesano fino a 25 kg); anche i parenti si ritrovano a dover lavorare, gratis, per aiutare la famiglia a raggiungere la quota giornaliera. Diffuso anche il lavoro minorile (fonte Altroconsumo).
Alcune delle maggiori aziende mondiali dell’industria di olio di palma hanno accettato d’interrompere la distruzione di foreste, per convertire il terreno alla coltivazione della palma, adottando l’High Carbon Stock Approach (HCS), proposto da Greenpeace e dal Forest Trust, per identificare tutte le aree forestali esistenti.( ilfattoalimentare.it)
Riguardo le conseguenze sulla nostra salute a seguito del consumo di olio di palma, i dati presenti in letteratura sono abbondanti e controversi: l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) afferma che ci sono prove convincenti che il consumo di olio palmitico contribuisce a un maggiore rischio di malattie cardiovascolari. Ricerche statunitensi ed europee confermano lo studio dell’OMS , contestato dagli studi commissionati dal Comitato di promozione dell’olio di palma malese (Malaysian Palm Oil Promotion Council).
Una revisione complessiva della letteratura scientifica sull’argomento pubblicata nel 2013 da due ricercatori dell’Istituto Mario Negri di Milano (Palm oil and palmitic acid: a review on cardiovascular effects and carcinogenicity in «International Journal of Food Sciences and Nutrition», agosto 2013) ha mostrato come la maggioranza degli studi presi in considerazione non paiano suggerire un ruolo attivo dell’acido palmitico nell’insorgenza di malattie cardiovascolari, soprattutto se si prendono in considerazione persone con buoni livelli di colesterolo e un’assunzione adeguata di acidi grassi polinsaturi. Inoltre, attualmente non ci sono prove scientifiche di un eventuale coinvolgimento degli acidi grassi del palma nell’insorgenza di cancro.
Enzo Spisni, docente di fisiologia della nutrizione all’Università di Bologna, sottolinea nel suo blog che gli studi pubblicati però non specificano quale sia l’olio utilizzato (integrale, raffinato, frazionato) – per cui si corre il rischio di confrontare dati non omogenei. Studi preliminari suggeriscono che l’olio di palma interesterificato possa avere effetti negativi sul metabolismo dei grassi e dunque sulla salute di cuore e arterie (la interesterificazione è un processo chimico che permette di ridistribuire e riorganizzare le molecole di acidi grassi degli oli vegetali per influenzarne le proprietà fisico-chimico ). Inoltre c’è il rischio che l’olio di palma contenga residui di sostanze tossiche usate per la coltivazione o nelle aree di coltivazione: i dosaggi effettuati finora in ambito internazionale non hanno riscontrato la presenza di queste sostanze in quantità superiori alle soglie consentite, ma c’è sempre la possibilità di un effetto accumulo, critico soprattutto per i bambini.
Quindi il problema sta soprattutto in quanto ne introduciamo. Si comincia a colazione, con biscotti e cereali e si continua per tutto il giorno: da dicembre attenzione alle etichette e, per evitare l’effetto accumulo, sostituiamo i prodotti che lo contengono , quando è possibile, con dolci fatti in casa a colazione, frutta fresca e secca locale e di stagione agli spuntini e creme al cioccolato con burro di cacao.

Dr.ssa Daniela Troiani

Autore: 1406 1406



Ti piace il nostro sito ?

Ricevi gratuitamente gli articoli più belli via mail. Ci impegneremo ogni giorno per farvi conoscere notizie interessanti!

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!


MisterDomain.EU

Articoli Recenti

PROBLEMI ALLA VISTA E POSTURA

I problemi alla vista e la postura

Sembrerebbe improbabile una correlazione fra denti e occhi, ma ricerche effettuate dimostrano il contrario. Un esempio classico è la capacità di accomodamento, ovvero la minima distanza di messa a fuoco di una matita. Fate questo semplice test.

Nella posizione eretta, con i piedi in posizione per voi comoda provate a vedere quanto riuscite ad avvicinare la matita al vostro naso senza far sdoppiare l'immagine e misurate la distanza fra naso e matita. Poi convergete il più possibile i piedi l'uno verso l'altro in modo da metterli in posizione per voi molto fastidiosa e riprovate: molti noteranno che non potranno avvicinare la matita come prima!

La contrazione muscolare anomala degli arti inferiori si è ripercossa per collegamento fra catene muscolari, fino ai muscoli oculari impedendone il normale funzionamento. In questi pazienti si può sospettare un affaticamento dei muscoli oculari indotto da alterazioni posturali

Si è visto che l'affaticamento alla visione e le forie, ovvero i piccoli strabismi compensati, risentono molto di tali contrazioni che possono benissimo essere indotte dal combaciamento dentale.

 

Se a ciò si aggiungoni i cosiddetti "torcicolli oculari" ossia atteggiamenti inclinati e/o ruotati del capo indotti dagli strabismi, ecco che il quadro si complica, ma soprattutto interagisce con i settori vicini, a.d esempio i denti e le cefalee

Gli occhi e la postura

Cosa c'entrano gli occhi con la postura?

C'entrano perché anche attraverso la vista il nostro cervello sa cosa è dritto e cosa è storto, e quindi quanto siamo dritti e quando siamo storti. In particolare il cervello confronta le informazioni visive che vengono dagli occhi con le informazioni che arrivano dai muscoli degli occhi, quindi quello che vediamo e la direzione del nostro sguardo. Queste informazioni, insieme a quelle che provengono da altre parti del corpo (muscoli, articolazioni, denti, orecchie, solo per citare le principali) servono appunto al cervello per capire quanto siamo dritti e quanto siamo storti e quindi, se necessario, mettere in atto delle manovre per correggere la postura. E' evidente quindi come sia importante controllare anche gli occhi quando siamo in presenza di una patologia posturale.

Come si fa?

Si fa una visita con un oculista o un ortottista che controllerà anche la situazione dei muscoli degli occhi e, soprattutto il loro rapporto con la postura.

Serve sempre fare un controllo visuo-posturale?

No, solo se il medico che sta valutando il nostro problema posturale avrà il sospetto che gli occhi possano avere un ruolo nella patologia.

E come fa a capirlo?

Con un test molto semplice: valuterà la nostra postura ad occhi aperti e ad occhi chiusi: normalmente la postura ad occhi chiusi peggiora, se dovesse migliorare si può sospettare che siamo in presenza di un problema del sistema visivo. In altre parole gli occhi, anziché migliorare il nostro assetto posturale lo disturbano.

E se c'è qualcosa che non va?

Allora l'oculista valuterà una eventuale modifica della correzione degli occhiali o, magari, ci consiglierà di fare qualche esercizio di ortottica: un po' di ginnastica per i muscoli degli occhi.

E chi porta gli occhiali?

Deve dirlo al medico che sta studiando la sua patologia posturale (e portare gli occhiali quando va a farsi visitare!). In questo modo sarà possibile effettuare la visita con e senza occhiali e valutare se questi ultimi possano condizionare il problema della postura.

I tra cardini da valutare per una postura corretta  sono gli occhi , l’occlusione e l’appoggio plantare , ragione per cui è sempre necessaria per una corretta valutazione una visita odontoiatrica  che valuti gnatologicamente  il corretto  bilanciamento delle arcate dentarie  durante la masticazione e non solo, ma anche una visita ortottica e posturale con attenzione alla dinamica dell'appoggio plantare



L'Albero della vita

L’Albero della Vita, quanto è importante questo simbolo per Te che stai leggendo?

Se lo guardiamo bene, con calma, in silenzio, lasciando che ci entri dentro, lasciando che l’immagine parli sentiremo un profondo equilibrio. Stabile e maestoso, con il suo possente tronco, eretto a colonna del Mondo. In  basso una miriade di radici, ad ancorarsi alla Terra, e in alto a protendersi verso il Cielo, una folta chioma. E’ una immagine bella, che da serenità e allo stesso tempo trasmette un profondo senso di sacralità.

Ci sta insegnando qualcosa. -”Tu sei l’albero, sei un albero che sta nascendo, te ne rendi conto?-” sembra voler dire. Allora pensi al tuo destino. E prontamente arriva la risposta: -”E’ quello di divenire pilastro della tua Vita, con i piedi a terra e lo sguardo al Cielo.”-

Nel tuo cammino in questo Mondo dovrai affrontare delle prove, talune molto dure e i venti saranno anche impetuosi. Tante cose che cercheranno di spazzarti via, di farti perdere l’equilibrio, di farti cambiar rotta. Sono in quei momenti che ti senti perso e sembra che tutto quello che era stato fino a quel momento, le certezze che sembravano tali, crollino per sempre. E’ proprio allora che ti rendi conto di non aver avuto radici ben profonde, perché sei stato portato via dalla Terra. L’albero insegna il radicamento, è ancorato al suolo e nemmeno la tempesta più forte può spazzarlo. Per vivere questa vita pienamente dobbiamo entrarci dentro. Entrare dentro a ciò che è nascosto sotto Terra. Vuol dire cominciare a capire che non siamo solo ciò che vediamo, ma siamo molto di più, come un iceberg mostra solo la punta, e la sua immensità si nasconde sotto l’acqua.  L’acqua rappresenta il nostro inconscio, il mondo interiore che abbiamo dentro, e proprio come l’albero si nutre dell’acqua attraverso le radici, anche noi possiamo nutrirci se sappiamo guardare dentro noi stessi. Le nostre parti che agiscono in sordina, quelle varie personalità che abbiamo, nate da anni di condizionamenti o per eredità genetica, rappresentano una fonte illimitata di energia per la nostra Essenza. Se le riscopriamo e da esse prendiamo insegnamento cresceremo sempre più forti. Il nostro tronco sarà sempre più robusto, la nostra volontà si eleverà, più forte e integra si ergerà verso l’alto realizzando la sua Natura: osservare il Cielo, riprendersi gli ampi spazi e tendere a Dio.

Ecco che dalla conoscenza di ciò che è in basso si accarezza il sapere delle Stelle.

E l’uomo è finalmente un Uomo. Rami si amplieranno e ci espanderemo fino a toccare cose, esperienze, emozioni, persone che fino ad allora non avevamo mai immaginato, ci apriremo così alla Vita. Guarderemo al Sole come ad un Padre e allora le nostre foglie si stenderanno come in una preghiera, accettando tutta l’Abbondanza della Luce, l’infinito Amore che il Sole ha per noi. Ecco che la Vita, con l’apertura della nostra chioma ci dona caldi raggi che ci toccano e ci nutrono, proprio come l’acqua del nostro inconscio ci offriva i Sali della Terra. Proprio quando avremo il coraggio di scendere dentro di noi, con radici profonde allora anche le fronde dell’Albero giocheranno maestose con il Vento, e la Vita che abbiamo sempre sognato potrà finalmente manifestarsi ai nostri occhi.

Tu decidi quando accettare ciò che hai sempre desiderato.

Non esiste nulla là fuori che non siano i tuoi sogni. Scendi dentro e fai crescere l’Albero che Sei. Dio non abbandona. Dio accoglie e dona. L’Albero della Vita, percorrilo tutto, ogni sua foglia e ramo. Odorane il profumo e senti lo scorrere della sua linfa. Sei tu che stai nascendo, quando un seme si schiude e abbraccia il Mondo.

“Da succoso frutto proviene Chi Sono,

mi schiudo e rinasco ancora,

un nuovo Destino ho visto nelle Stelle e scritto sulla Terra.

Ritroverò la Luce attraversando le tenebre,

riscoprirò chi sono perdendomi ogni volta.”

Luca Carli.

Fonte lagiostradelsole.com/





Categorie

medicina
medicina
alimentazione e benessere
alimentazione e benessere
beneficenza
beneficenza
storia
storia
ecologia e pianeta terra
ecologia e pianeta terra
pedagogia
pedagogia
tradizioni
tradizioni
sesso
sesso
musica
musica
cucina
cucina
Vini e dintorni
Vini e dintorni
riflessioni
riflessioni
filosofia
filosofia
popoli e culture
popoli e culture
amore e dintorni
amore e dintorni


design & developed by impulsiva.net
All Right is Reserved © faredelbene.net - Condizioni Privacy - Obiettivi
 
 

Non mostrare piú / Sono gia iscritto

Ti piace il nostro sito ?

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!