Faredelbene.net



alimentazione e benessere -> Gli innumerevoli benefici di miele e cannella


Gli innumerevoli benefici di miele e cannella




La combinazione di miele e cannella è un potente antibiotico naturale, antimicrobico, antinfiammatorio, non solo per l’uomo ma anche per i nostri animali

Le proprietà terapeutiche del miele sono molteplici, questo prezioso alimento vanta infatti proprietà antibatteriche, antiossidanti, antinfiammatorie, sedative per la tosse e vanta innumerevoli proprietà nutrizionali, inoltre è una fonte inestimabile di energia. Lo zucchero contenuto nel miele aiuta a combattere stress e fatica fisica e, se assunto in basse quantità, non crea nessun problema ai diabetici.

Il miele, in combinazione con la cannella forma una coppia perfetta per migliorare il proprio stato di salute in modo semplice e naturale. Miele e cannella uniti formano un elisir del benessere apportando numerosi benefici per la nostra salute, e se assunti quotidianamente aiutano a rafforzare il sistema immunitario e proteggono l’organismo da batteri e da virus.

Quali sono le proprietà benefiche di miele e cannella?

Già nel 1995 la rivista Canadese “Weekly world news” ha pubblicato un articolo che contiene un elenco delle malattie curabili con questa mescolanza di miele e cannella.

In Italia pochi conoscono le straordinarie proprietà di questo elisir, ma la combinazione di miele e cannella è un rimedio usato da secoli sia nella Medicana Tradizionale Cinese che nell’Ayurveda.

ARTRITE

In una tazza di acqua tiepida aggiungere 2 cucchiai di miele e mezzo cucchiaio di cannella in polvere, bere la mattina a digiuno e la sera prima di coricarsi. Questa mescolanza, se assunta con regolarità, aiuta a curare l’artirte, anche quella cronica. Queste proprietà sono dimostrate da uno studio dell’università di Copenaghen: un’equipe di medici ha somministrato questo medicamento a 200 pazienti affetti da artrite cronica, nel giro di una settimana 75 pazienti hanno riscontrato un immediato giovamento, con conseguente diminuzione del dolore. Dopo un mese di trattamento tutti i pazienti non hanno più avuto dolori, anche chi aveva difficoltà a camminare un po’ alla volta ha ripreso a farlo.

MALATTIE DEL CUORE

Unire ad un vasetto di miele qualche cucchiaio di cannella e consumare regolarmente durante la prima colazione, spalmandolo su pane o toast. Il miele così speziato riduce il colesterolo nelle arterie e previene i problemi di cuore, previene anche la ricaduta di nuovi infarti nelle persone che già ne hanno avuto uno. L’uso regolare di questo miele permette di fortificare il cuore, diminuisce la mancanza d’ossigeno e rafforza i battiti cardiaci. Negli Stati Uniti e in Canada questa pasta è utilizzata regolarmente negli asili e nelle case di riposo, uno studio condotto sui pazienti più anziani degli ospedali americani ha dimostrato che l’uso regolare di questa pasta pulisce e rafforza le arterie e le vene.

COLESTEROLO

Miscelare 2 cucchiai di miele con 1 o 2 cucchiai di cannella, aggiungere la miscela ottenuta in mezzo litro di acqua fresca. Bere 3 volte al giorno questa bevanda riduce il colesterolo del 10% in poco tempo.

MALE AI DENTI

In caso di male ai denti fare una pasta composta da 1 cucchiaino di cannella e 5 cucchiaini di miele. Spalmare il composto ottenuto sul dente dolorante. Ripetere 3 volte al giorno per almeno 3 giorni. 

INFEZIONI AI RENI E ALLA VESCICA

Un infuso composto da un bicchiere di acqua tiepida, due cucchiai di cannella in polvere e un cucchiaino di miele, svolge una potente azione antibatterica, uccidendo i germi che causano l’infezione. Il composto va bevuto 2 volte al giorno, alla mattina prima di colazione e al pomeriggio.

PERDITA DEI CAPELLI

Per alleviare i problemi di calvizia o per ridurre la perdita di capelli applicare sul cuoio capelluto olio d’oliva caldo unito a un cucchiaio di miele e un cucchiaino di cannella in polvere. Lasciare riposare per 15 minuti e lavarsi i capelli.

PERDERE PESO

Per perdere peso bere ogni giorno, mezz’ora prima di dormire e mezz’ora prima di colazione, una tazza composta da un cucchiaio di miele e uno di cannella. Bere tutti i giorni con costanza aiuta a perdere peso.

RAFFREDDORE

Per curare il raffreddore, la tosse e la sinusite mescolare un cucchiaio di miele e una spolverata di cannella in polvere. Bere con frequenza fino al miglioramento. 

PUNTURE DI INSETTI

Mescolare due cucchiaini di miele e un cucchiaio di cannella in poca acqua tiepida fino a che la pasta ottenuta sia ben amalgamata e quindi massaggiare localmente sulla parte interessata dalla puntura. Il dolore e il prurito tenderanno a diminuire nel giro di pochi minuti.

Avvertenza: il Miele non andrebbe mai scaldato, salvo indicazioni contrarie, perchè molte delle sostanze curative andrebbero perse.
 

Referral ID: 1356



Ti piace il nostro sito ?

Ricevi gratuitamente gli articoli più belli via mail. Ci impegneremo ogni giorno per farvi conoscere notizie interessanti!

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!


MisterDomain.EU

Articoli Recenti

PROBLEMI ALLA VISTA E POSTURA

I problemi alla vista e la postura

Sembrerebbe improbabile una correlazione fra denti e occhi, ma ricerche effettuate dimostrano il contrario. Un esempio classico è la capacità di accomodamento, ovvero la minima distanza di messa a fuoco di una matita. Fate questo semplice test.

Nella posizione eretta, con i piedi in posizione per voi comoda provate a vedere quanto riuscite ad avvicinare la matita al vostro naso senza far sdoppiare l'immagine e misurate la distanza fra naso e matita. Poi convergete il più possibile i piedi l'uno verso l'altro in modo da metterli in posizione per voi molto fastidiosa e riprovate: molti noteranno che non potranno avvicinare la matita come prima!

La contrazione muscolare anomala degli arti inferiori si è ripercossa per collegamento fra catene muscolari, fino ai muscoli oculari impedendone il normale funzionamento. In questi pazienti si può sospettare un affaticamento dei muscoli oculari indotto da alterazioni posturali

Si è visto che l'affaticamento alla visione e le forie, ovvero i piccoli strabismi compensati, risentono molto di tali contrazioni che possono benissimo essere indotte dal combaciamento dentale.

 

Se a ciò si aggiungoni i cosiddetti "torcicolli oculari" ossia atteggiamenti inclinati e/o ruotati del capo indotti dagli strabismi, ecco che il quadro si complica, ma soprattutto interagisce con i settori vicini, a.d esempio i denti e le cefalee

Gli occhi e la postura

Cosa c'entrano gli occhi con la postura?

C'entrano perché anche attraverso la vista il nostro cervello sa cosa è dritto e cosa è storto, e quindi quanto siamo dritti e quando siamo storti. In particolare il cervello confronta le informazioni visive che vengono dagli occhi con le informazioni che arrivano dai muscoli degli occhi, quindi quello che vediamo e la direzione del nostro sguardo. Queste informazioni, insieme a quelle che provengono da altre parti del corpo (muscoli, articolazioni, denti, orecchie, solo per citare le principali) servono appunto al cervello per capire quanto siamo dritti e quanto siamo storti e quindi, se necessario, mettere in atto delle manovre per correggere la postura. E' evidente quindi come sia importante controllare anche gli occhi quando siamo in presenza di una patologia posturale.

Come si fa?

Si fa una visita con un oculista o un ortottista che controllerà anche la situazione dei muscoli degli occhi e, soprattutto il loro rapporto con la postura.

Serve sempre fare un controllo visuo-posturale?

No, solo se il medico che sta valutando il nostro problema posturale avrà il sospetto che gli occhi possano avere un ruolo nella patologia.

E come fa a capirlo?

Con un test molto semplice: valuterà la nostra postura ad occhi aperti e ad occhi chiusi: normalmente la postura ad occhi chiusi peggiora, se dovesse migliorare si può sospettare che siamo in presenza di un problema del sistema visivo. In altre parole gli occhi, anziché migliorare il nostro assetto posturale lo disturbano.

E se c'è qualcosa che non va?

Allora l'oculista valuterà una eventuale modifica della correzione degli occhiali o, magari, ci consiglierà di fare qualche esercizio di ortottica: un po' di ginnastica per i muscoli degli occhi.

E chi porta gli occhiali?

Deve dirlo al medico che sta studiando la sua patologia posturale (e portare gli occhiali quando va a farsi visitare!). In questo modo sarà possibile effettuare la visita con e senza occhiali e valutare se questi ultimi possano condizionare il problema della postura.

I tra cardini da valutare per una postura corretta  sono gli occhi , l’occlusione e l’appoggio plantare , ragione per cui è sempre necessaria per una corretta valutazione una visita odontoiatrica  che valuti gnatologicamente  il corretto  bilanciamento delle arcate dentarie  durante la masticazione e non solo, ma anche una visita ortottica e posturale con attenzione alla dinamica dell'appoggio plantare





Categorie

diete
diete
stile & bon ton
stile & bon ton
arte
arte
bambini
bambini
popoli e culture
popoli e culture
alimentazione e benessere
alimentazione e benessere
scienza
scienza
sesso
sesso
riflessioni
riflessioni
psicosomatica
psicosomatica
miti e leggende
miti e leggende
beneficenza
beneficenza
tradizioni
tradizioni
io non ci sto
io non ci sto
amore e dintorni
amore e dintorni


design & developed by impulsiva.net
All Right is Reserved © faredelbene.net - Condizioni Privacy - Obiettivi
 
 

Non mostrare piú / Sono gia iscritto

Ti piace il nostro sito ?

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!