Faredelbene.net



alimentazione e benessere -> Che cos' il Miele


Che cos' il Miele




Il miele è un alimento composto prevalentemente da zuccheri semplici come il fruttosio ed il glucosio

Questi, a differenza degli zuccheri composti come il saccarosio (zucchero da cucina) sono direttamente assorbibili dall’organismo umano. Infatti per poter digerire uno zucchero composto (disaccaride) l’organismo deve prima dividerlo in due zuccheri semplici (monosaccaridi). Il D.Lvo 179/2004 definisce il miele come" la sostanza dolce naturale che le api (Apis mellifera) producono dal nettare di piante o dalle secrezioni provenienti da parti vive di piante o dalle sostanze secrete da insetti succhiatori che si trovano su parti vive di piante che esse bottinano, trasformano, combinandole con sostanze specifiche proprie, depositano, disidratano, immagazzinano e lasciano maturare nei favi dell’alveare”.

Le api producono il miele per crearsi delle scorte di cibo da poter utilizzare durante l'inverno quando non troverebbero il cibo di cui si nutrono nella bella stagione, cioè il nettare ed il polline.

Infatti, per poter superare l'inverno senza che si guasti, il nettare deve essere trasformato in un alimento a lunga conservazione che è appunto il miele.

Per ottenere il miele, le api aggiungono al nettare degli enzimi, cioè sostanze che presenti in piccolissima quantità in una miscela innescano una reazione chimica che trasforma i componenti di partenza (nettare e/o melata) in un'altra sostanza che incomincia ad assumere le caratteristiche del miele. Questa sostanza viene depositata nelle cellette dei favi e con il tempo, quando evapora gran parte dell'acqua presente nella miscela, diventa miele. È solo a questo punto che le api chiudono la celletta con un opercolo di cera. Questa operazione garantisce che il miele non riassorba acqua perché,  se questo dovesse avvenire, il miele potrebbe essere invaso dalle muffe o dai batteri. Infatti tutti i microrganismi per vivere devono avere a disposizione una certa quantità di acqua libera (Aw) cioè non legata chimicamente all'alimento che consideriamo. L'abbassamento dell'Aw è sfruttato anche dall'uomo in numerose produzioni di cibi a lunga conservazione si pensi ad esempio ai salumi, alle marmellate, e a tutti i prodotti essiccati o  stagionati. Il miele avendo una bassissima Aw non permette lo sviluppo di alcun microrganismo. Questo prodotto deve le sue caratteristiche organolettiche principalmente al tipo di flora presente intorno all'apiario nel raggio di 3 Km (area di bottinamento della api).

Come accennato le api raccolgono i seguenti prodotti:

Il nettare, sostanza zuccherina che le piante producono per attirare gli insetti, i quali, andando da un fiore all’altro, si fanno vettori inconsapevoli del polline, l'elemento fecondante delle piante, che viene in questo modo trasportato su altri fiori. Piante diverse danno nettari diversi e proprio questo  fatto determina la varietà del miele.

Il polline viene raccolto dalle api, ma non serve per l'elaborazione del miele, bensì costituisce
l’alimento proteico destinato alle forme giovanili delle api. Nel miele infatti il polline è presente solo in piccolissima quantità, ma proprio grazie alla sua presenza nel miele possiamo conoscere con certezza da quali piante deriva. Infatti, guardando con un microscopio i pollini contenuti nel miele (analisi melissopalinologiche) possiamo differenziare un polline da un altro perché i pollini delle piante sono diversi, per forma e dimensioni, a seconda della specie di pianta che li produce.

La melata, linfa prodotta dalle piante, della quale si nutrono insetti come  afidi e  cocciniglie. Questi insetti, parassiti dei vegetali, ingeriscono grandi quantità di melata che non possono digerire totalmente. Il surplus di sostanza zuccherina non utilizzata ed escreta da questi insetti viene utilizzata dalle api.

Le resine, le api utilizzano le resine di diversi tipi di piante che rielaborano per produrre la propoli, una sostanza con proprietà antibatteriche.

L'acqua, come per ogni organismo vivente anche le api hanno bisogno di acqua per vivere.

Il miele può essere liquido o cristallizzato in funzione sia della sua provenienza botanica sia della temperatura ambientale a cui è conservato. Infatti mieli come quello di girasole o anche il millefiori tendono a diventare solidi appena la temperatura ambientale si abbassa, mentre ad esempio i mieli di melata, di acacia e di castagno tendono a rimanere liquidi anche in inverno. Il fatto che un miele sia liquido o solido non è un indice della qualità del miele, ma certamente se vediamo che un miele come quello di girasole resta liquido anche a basse temperature ambientali dovremmo dedurne che questo ha subito un trattamento termico che ne ha alterato le caratteristiche fisico-chimiche.

I controlli sul miele vengono effettuati dalle autorità competenti in base all’allegato 1 del D.Lvo 179/2004 che determina le caratteristiche di composizione del miele. I parametri che possiamo prendere in considerazione quando analizziamo il miele possono essere di tipo qualitativo o sanitario.

Dal punto di vista sanitario vengono ricercati i residui in base al D.Lvo 336/99 (oggi sostituito dal Decreto Legislativo 16 marzo 2006 n.158)  in attuazione delle Direttive 96/22 CE e 96/23 CE

veterinariaalimenti.marche.it

Referral ID: 1356



Ti piace il nostro sito ?

Ricevi gratuitamente gli articoli più belli via mail. Ci impegneremo ogni giorno per farvi conoscere notizie interessanti!

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!


MisterDomain.EU

Articoli Recenti

PROBLEMI ALLA VISTA E POSTURA

I problemi alla vista e la postura

Sembrerebbe improbabile una correlazione fra denti e occhi, ma ricerche effettuate dimostrano il contrario. Un esempio classico è la capacità di accomodamento, ovvero la minima distanza di messa a fuoco di una matita. Fate questo semplice test.

Nella posizione eretta, con i piedi in posizione per voi comoda provate a vedere quanto riuscite ad avvicinare la matita al vostro naso senza far sdoppiare l'immagine e misurate la distanza fra naso e matita. Poi convergete il più possibile i piedi l'uno verso l'altro in modo da metterli in posizione per voi molto fastidiosa e riprovate: molti noteranno che non potranno avvicinare la matita come prima!

La contrazione muscolare anomala degli arti inferiori si è ripercossa per collegamento fra catene muscolari, fino ai muscoli oculari impedendone il normale funzionamento. In questi pazienti si può sospettare un affaticamento dei muscoli oculari indotto da alterazioni posturali

Si è visto che l'affaticamento alla visione e le forie, ovvero i piccoli strabismi compensati, risentono molto di tali contrazioni che possono benissimo essere indotte dal combaciamento dentale.

 

Se a ciò si aggiungoni i cosiddetti "torcicolli oculari" ossia atteggiamenti inclinati e/o ruotati del capo indotti dagli strabismi, ecco che il quadro si complica, ma soprattutto interagisce con i settori vicini, a.d esempio i denti e le cefalee

Gli occhi e la postura

Cosa c'entrano gli occhi con la postura?

C'entrano perché anche attraverso la vista il nostro cervello sa cosa è dritto e cosa è storto, e quindi quanto siamo dritti e quando siamo storti. In particolare il cervello confronta le informazioni visive che vengono dagli occhi con le informazioni che arrivano dai muscoli degli occhi, quindi quello che vediamo e la direzione del nostro sguardo. Queste informazioni, insieme a quelle che provengono da altre parti del corpo (muscoli, articolazioni, denti, orecchie, solo per citare le principali) servono appunto al cervello per capire quanto siamo dritti e quanto siamo storti e quindi, se necessario, mettere in atto delle manovre per correggere la postura. E' evidente quindi come sia importante controllare anche gli occhi quando siamo in presenza di una patologia posturale.

Come si fa?

Si fa una visita con un oculista o un ortottista che controllerà anche la situazione dei muscoli degli occhi e, soprattutto il loro rapporto con la postura.

Serve sempre fare un controllo visuo-posturale?

No, solo se il medico che sta valutando il nostro problema posturale avrà il sospetto che gli occhi possano avere un ruolo nella patologia.

E come fa a capirlo?

Con un test molto semplice: valuterà la nostra postura ad occhi aperti e ad occhi chiusi: normalmente la postura ad occhi chiusi peggiora, se dovesse migliorare si può sospettare che siamo in presenza di un problema del sistema visivo. In altre parole gli occhi, anziché migliorare il nostro assetto posturale lo disturbano.

E se c'è qualcosa che non va?

Allora l'oculista valuterà una eventuale modifica della correzione degli occhiali o, magari, ci consiglierà di fare qualche esercizio di ortottica: un po' di ginnastica per i muscoli degli occhi.

E chi porta gli occhiali?

Deve dirlo al medico che sta studiando la sua patologia posturale (e portare gli occhiali quando va a farsi visitare!). In questo modo sarà possibile effettuare la visita con e senza occhiali e valutare se questi ultimi possano condizionare il problema della postura.

I tra cardini da valutare per una postura corretta  sono gli occhi , l’occlusione e l’appoggio plantare , ragione per cui è sempre necessaria per una corretta valutazione una visita odontoiatrica  che valuti gnatologicamente  il corretto  bilanciamento delle arcate dentarie  durante la masticazione e non solo, ma anche una visita ortottica e posturale con attenzione alla dinamica dell'appoggio plantare





Categorie

alimentazione e benessere
alimentazione e benessere
medicina
medicina
numerologia
numerologia
psicosomatica
psicosomatica
ecologia e pianeta terra
ecologia e pianeta terra
amore e dintorni
amore e dintorni
riflessioni
riflessioni
news
news
vegan & co.
vegan & co.
stile & bon ton
stile & bon ton
significato dei colori
significato dei colori
medicina naturale
medicina naturale
beneficenza
beneficenza
arte
arte
tradizioni
tradizioni


design & developed by impulsiva.net
All Right is Reserved © faredelbene.net - Condizioni Privacy - Obiettivi
 
 

Non mostrare piú / Sono gia iscritto

Ti piace il nostro sito ?

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!